Heygiò #51 - Un algoritmo di Google al posto dei giornalisti locali

HEYGIÒ - 5 TOP TREND NEWS SUL GIORNALISMO QUESTA SETTIMANA

tempo stimato di lettura: 4 min. e 23 sec.

Heygiò seleziona 5 articoli + 1 video da fonti italiane e internazionali.
Ricevi questa email se ti sei iscritto a Heygio


  1. Digital News Report 2017

  2. Giornalismo, negli USA i quotidiani vogliono negoziare con Facebook e Google

  3. Google finanzia la creazione di un software che scrive le notizie locali

  4. Giornalismo digitale: dal fact checking al data driven. 7 progetti italiani finanziati

  5. Giornalisti d’inchiesta da tutto il mondo a Varsavia per combattere le fake news

  6. (Video) La strage dei giornalisti


 Italia, così sono cambiate le fonti del consumo di news. Fonte:  digitalnewsreport.org

Italia, così sono cambiate le fonti del consumo di news. Fonte: digitalnewsreport.org

In Italia c’è un tasso molto basso tasso di penetrazione di internet paragonato agli altri paesi europei. La tv resta la fonte principale per le notizie.
La natura partigiana del giornalismo italiano combinata a forti interessi politici e all’influenza degli affari sugli editori di news ha generato un livello particolarmente basso di fiducia nelle news.
— Digital News Report 2017

Heygio
Digital News Report 2017: social, fiducia e polarizzazione

Le audience sono complessivamente scontente della qualità delle notizie e in particolare di quelle che trovano sui social media. A sostenerlo, il Digital News Report 2017. La ricerca, svolta dal Reuters Institute for the Study of Journalism dell’Università di Oxford, è basata su un sondaggio svolto da YouGov che ha interessato oltre 70mila persone in 36 paesi.

I risultati del report mostrano come, anche se più della metà dei partecipanti (54%) usa i social media come fonte di notizie, solo un quarto di chi lo fa (24%) crede che i social separino in modo adeguato i fatti dalla fiction, mentre per i media tradizionali questo dato si attesta al 40%. Negli Usa (20% e 38%) e nel Regno Unito (18% e 41%), le persone sono però più inclini (il doppio) ad avere fiducia nei media tradizionali. Solo in Grecia si pensa che i social media siano complessivamente migliori, principalmente perché i greci interpellati hanno generalmente pochissima fiducia nei media tradizionali (solo 28% e 19%).

“La natura partigiana del giornalismo italiano - si legge nell’analisi che il report dedica al nostro Paese - combinata a forti interessi politici e all’influenza degli affari sugli gli editori di news ha generato un livello particolarmente basso di fiducia nelle news.”

it.ejo.ch


Sostenibilità
Giornalismo, negli USA i quotidiani vogliono negoziare con Facebook e Google

News Media Alliance, associazione che riunisce oltre 2.000 testate nordamericane, ha chiesto al Congresso degli Stati Uniti una deroga alla legge antitrust per poter costituire una delegazione autorizzata a negoziare per conto di tutti i propri membri un accordo con Facebook e Google: un accordo che garantisca una spartizione più equa degli introiti generati dall’advertising. Se il Congresso dovesse accondiscendere alla richiesta, gli editori potrebbero fare fronte comune e sperare di ottenere così condizioni migliori di quelle che potrebbero ottenere in centinaia di contrattazioni separate.

startupitalia.eu


 Fonte: techcrunch.com

Fonte: techcrunch.com


Robot
Google finanzia la creazione di un software che scrive le notizie locali

La Digital News Initiative di Google ha impegnato 622.000 euro ($ 805.000) per finanziare un'iniziativa automatizzata per la scrittura di notizie per l'agenzia di stampa U.K., The Press Association. Il denaro contribuirà a pagare la creazione di Radar (Reporters And Data And Robots), un software conosciuto per generare fino a 30.000 notizie locali al mese.

Press Association ha arruolato la startup giornalistica Urbs Media con il compito di creare un software che trasforma i dati di notizie in contenuti interessanti. 

techcrunch.com


Startup
Giornalismo digitale: dal fact checking al data driven. 7 progetti italiani finanziati

Big data, fact checking, intelligenza artificiale, realtà aumentata, analisi semantica, data driven … sono le nuove frontiere del giornalismo promosso da Google attraverso il Fondo per l’innovazione della Digital News Initiative. L’idea lanciata due anni fa dal colosso del web e finanziata con 150 milioni di euro, per supportare in Europa progetti nel campo dell’informazione capaci di sfruttare lo straordinario potenziale messo a disposizione delle tecnologie digitali. Su 3 mila progetti presentati ne sono stati accolti 359 in 29 Paesi. Di questi 7 sono italiani, 6 di grandi dimensioni e 1 prototipo, per un totale di 2 milioni e 826 mila euro.

unita.tv


Strumenti
360/OS - Giornalisti d’inchiesta da tutto il mondo a Varsavia per combattere le fake news

L'obiettivo del Summit che si tiene a Varsavia è soprattutto quello di creare una rete di monitoraggio sulla veridicità delle notizie diffuse attraverso i canali digitali. Li hanno chiamati #DigitalSherlocks, un esercito di detective da tastiera e smartphone con il compito di stanare le fake news, documentare gli abusi dei diritti umani, segnalare in tempo reale gli eventi globali e costruire una vera e propria alleanza digitale in tutto il mondo. Non è un caso che tra gli organizzatori di 360/OS compaia anche Maksymilian Czuperski, direttore del "Digital Forensic Research Lab" dell'Atlantic Council di Washington, meglio conosciuto come il cacciatore per eccellenza delle bufale.

fanpage.it


 Fonte: rsi.ch

Fonte: rsi.ch

(Video)
La strage dei giornalisti

La stampa è in pericolo in Messico. Nelle regioni dominate dai Cartelli della droga la minaccia è costante: sei i giornalisti uccisi dall’inizio dell’anno. Più di cento dal 2000 ad oggi.

L’ultimo caso è quello di Javier Valdez, freddato da due sicari il 15 maggio scorso a Culiacán, nello stato di Sinaloa. Valdez lavorava per il quotidiano “La Jornada” e per l’agenzia online “Riodoce”.
Il video racconta con una animazione questa storia. Sottotitoli in italiano.

www.rsi.ch

Extra - (Video) Consip, Lillo in caserma per consegnare il telefono: “Per me e la Sciarelli il sequestro, per Tiziano Renzi il nulla”
ilfattoquotidiano.it