Heygiò #42 - Occhio a diffondere i documenti Macron

HEYGIÒ - TOP TREND SUL GIORNALISMO QUESTA SETTIMANA

tempo stimato di lettura: 3 min e 35 sec.

  1. Carcere per blogger e giornalisti che diffondono i documenti Macron
  2. Come stiamo imparando a fare il giornalismo in un modo diverso nell'era di Trump
  3. Come appoggiarsi a un hacker senza diventare un burattino
  4. New York Times: spacciare false speranze per giornalismo
  5. Questo strumento ti farà risparmiare il tempo della trascrizione
  6. (Video) The San Francisco Chronicle: 152 anni di eccelenza nel giornalismo

Heygiò seleziona 5 articoli + 1 video da fonti italiane e internazionali.
Ricevi questa email se ti sei iscritto a Heygio


Piuttosto che allontanarsi da temi importanti che già hanno l’attenzione del paese, a volte è opportuno cercare opportunità all’interno di essi.
— Eric Umansky, ProPublica


Heygiò
Carcere per blogger e giornalisti che diffondono i documenti Macron
Con un comunicato lo Stato francese impone ai media di non diffondere i contenuti dei documenti hackerati alla campagna di Macron, minacciando il carcere.
Ora, se questo potrebbe essere moralmente giusto in caso di informazioni private, diventa censura nel caso riguardi, invece, informazioni di carattere pubblico, e quasi tutto quello che riguarda il candidato ad una elezione è di interesse pubblico. In sostanza, pare che la struttura di potere francese, oltre un clima ufficiale che dà per certa la non vittoria di Le Pen, sia invece piuttosto terrorizzata da qualcosa che potrebbe essere tirato fuori e sta venendo tirato fuori.
voxnews.info

Job
Come stiamo imparando a fare il giornalismo in un modo diverso nell'era di Trump
Non abbiamo tutte le risposte. Come molte redazioni, stiamo ancora affrontando come gestire la copertura della nuova amministrazione. Ma abbiamo trovato alcuni principi utili. Piuttosto che allontanarsi da temi importanti che già hanno l'attenzione del paese, a volte è opportuno cercare opportunità all'interno di essi. Prendi il lavoro dell'anno scorso del David Fahrenthold del Washington Post, che, naturalmente, potrebbe servire da esempio in qualsiasi numero di questi suggerimenti. Numerosi giornalisti stavano coprendo la campagna di Trump. Ma quanti giornalisti stavano davvero scavando nella beneficenza di Trump? Nessuno, fino a Fahrenthold. 
propublica.org

Tech
Come appoggiarsi a un hacker senza diventare un burattino
I giornalisti si affidano sempre più ai dati forniti dagli hacker piuttosto che alle proprie fonti. 
Se un hacker colpisce quello che presume essere una società non etica o un gruppo sponsorizzato dal governo ruba le e-mail e le dà ai giornalisti per scopi politici, i giornalisti sono sempre legati a dati ottenuti da una terza parte. Questi casi costituiscono un'incredibile opportunità per i giornalisti per riferire su questioni importanti, ma i dati pertinenti e le fonti che lo forniscono possono anche presentare un campo minato etico e professionale.
vice.com

Magagne
New York Times: spacciare false speranze per giornalismo
Un segno del buon giornalismo è mettere in discussione le opinioni prevalenti. La conoscenza comune è per lo più sbagliata perché tende a scivolare a valle verso narrazioni semplicistiche ed emozionanti. Ecco perché ogni volta che un argomento di cui hai conoscenza profonda è ritratto nella cultura popolare sembra sempre semplicistico al punto di essere sbagliato, pieno di tropi e di malintesi comuni. Tuttavia, un giornalista investigativo dovrebbe scavare sotto la superficie. Dovrebbero parlare con gli esperti, specialmente coloro che hanno motivo di dubitare della narrativa, e scoprire quale sia il consenso dell'esperto. 
Non troverai nessuna di queste prove in un recente pezzo di New York Times di Jane Brody nella sezione "Salute personale". Quello che troverai è una riflessione del tutto credibile sulla "medicina alternativa", completata con le più comuni e fallaci teorie senza il minimo accenno di scetticismo giornalistico.
sciencebasedmedicine.org

Strumenti
Questo strumento, fatto dagli studenti universitari, ti farà risparmiare tutto quel tempo che trascorrerai a trascrivere
Due ragazzi dell'Università di Dublino mi hanno raggiunto una settimana fa e hanno condiviso uno strumento che hanno fatto per la trascrizione automatica. Si chiama Scribe. A quanto pare lavoravano su un progetto scolastico, e un ragazzo doveva trascrivere 12 interviste, e non voleva farlo, per cui ha costruito questo script che utilizza l'API di Google Speech per trascrivere il discorso al testo.
poynter.org
(Extra) - Giornalismo, 10 cose che ho imparato Dieci take-away di Riccardo Luna. agi.it

Video
San Francisco Chronicle: 152 anni di eccelenza nel giornalismo
“Aiutare le persone a capire meglio le situazioni in modo che possano prendere decisioni migliori e noi possiamo avere un mondo migliore. E’ semplice”. “Il nostro lavoro è andare lì e vedere cosa succede, che siamo benvenuti o no”. E ancora: “Siamo su twitter, sui social media ma la funzione del giornalismo e la credibilità non possono cambiare”. Ecco alcune riflessioni degli editor del San Francisco Chronicle.
sfc