Heygiò #47 - Sulla carta ci siamo sbagliati: scomparirà prima

HEYGIÒ - 5 TOP TREND NEWS SUL GIORNALISMO QUESTA SETTIMANA

tempo stimato di lettura: 4 min. e 20 sec.

Heygiò seleziona 5 articoli + 1 video da fonti italiane e internazionali.
Ricevi questa email se ti sei iscritto a Heygio


  1. Giornalismo, ecco dove cerchiamo le news
  2. Giornalismo e social network. Un sondaggio tra i giornalisti italiani
  3. L'85% degli americani usa i dispositivi mobili per accedere alle notizie - e i senior sono in testa a quel numero
  4. I 10 segreti di grande giornalismo nascosti in "Master of None"
  5. 3 ottimi strumenti di scrittura
  6. (Video) Giornalismo indipendente di Franco Fracassi. Indigraf quello che gli altri non raccontano


I calcoli di Philip Meyer secondo cui l’ultima copia di un giornale cartaceo sarà stampata nel 2043 possono essere oggi considerati perfino ottimistici. 
— Rasmus Kleis Nielsen, Reuters Institute

Heygiò
Giornalismo, ecco dove cerchiamo le news

Nel 2004 Philip Meyer, giornalista e professore all’università del North Carolina, scrisse un fortunato saggio: “The Vanishing Newspaper: Saving Journalism in the Information Age”. Meyer arrivava a sostenere che l’ultima copia di un giornale sarebbe stata stampata nel 2043. Molti studiosi frenarono, allora la circolazione e la pubblicità della carta ancora non andavano così male.

Le cose sono assai cambiate da allora. Anzi, sono quasi precipitate. Una risposta sta nell’interessante ricerca del Reuters Insitute for the Study of Journalism. E la risposta, diciamolo subito, è: online e dalla televisione.

Dall’analisi, che abbraccia un arco temporale di 4 anni, dal 2013 al 2016, e prende in esame i comportamenti del pubblico britannico, emerge che anche la televisione, fino ad oggi quella che sembra aver subito meno l’impatto dei nuovi media, sta cedendo quote di mercato a favore di questi ultimi, tanto che nel 2016 si è registrato il sorpasso dall’informazione online rispetto al piccolo schermo.

Dal 2013 si registra un declino della carta stampata che è scesa dal 60 per cento a sotto il 40 per cento nelle abitudini dei cittadini del Regno Unito. Social media e testate online sono invece diventati la principale fonte di informazione, superando la televisione, come si è detto, e attestandosi poco sotto l’80%.

Come sottolinea Rasmus Kleis Nielsen, direttore di ricerca al Reuters Institute, lo slittamento delle abitudini di lettura delle news dai media tradizionali ai nuovi media digitali è ancora più evidente se si prendono in considerazione le fasce di età.

Una dieta mediatica nutrita essenzialmente da fonti online è ormai saldamente attestata negli under 45. Se consideriamo poi che tra gli under 25 i social media sono già più popolari della televisione, non dovrebbe essere difficile dedurne che i calcoli di Philip Meyer sul declino dell’informazione stampata possono essere oggi considerati perfino ottimistici. 
agi.it


Social
Giornalismo e social network. Un sondaggio tra i giornalisti italiani

L’Istituto Ixè ha cercato di capire un po’ di cose a riguardo facendo un sondaggio su un campione di 261 giornalisti italiani, ponendo loro alcune domande i cui risultati sono stati pubblicati oggi.
Come al solito consigliamo la lettura completa del sondaggio ma è utile mettere in evidenza alcuni aspetti particolari che emergono da questo report.

Facebook e Twitter sono i social più utilizzati con il 92% e l’82% degli intervistati che dichiara di utilizzarli abitualmente per il proprio lavoro . Fin qui nessuna novità, ma è interessante notare come altri piattaforme siano abbondantemente distanziati a cominciare da YuoTube (56%) e tutti gli altri sotto il 50% (ovviamente questa domanda prevedeva la possibilità di dare risposte multiple).
datamediahub.it


Dati
L'85% degli americani usa i dispositivi mobili per accedere alle notizie - e i senior sono in testa a quel numero

La maggior parte delle persone negli Stati Uniti - l’ 85% degli adulti americani - hanno utilizzato un dispositivo mobile per accedere alle notizie, nel 2013 erano il 50%. Ma occorre mettere da parte ogni ipotesi su quali gruppi di persone siano responsabili di questo aumento. 

Infatti, più di due terzi (67%) degli americani di 65 anni e più anziani ricevono notizie su un dispositivo mobile (nel 2016 il numero è stato del 43%, nel 2013 è stato del 22%). Anche i consumi di notizie mobili tra i 50 e i 64 anni sono aumentati notevolmente negli ultimi quattro anni.

Questi numeri sono tratti da uno studio Pew Research.
niemanlab.org
Extra - Al Washington Post la tecnologia sta facendo crescere le finanze - npr.org


Newsroom
I segreti di grande giornalismo nascosti in "Master of None"

Molti di noi nel giornalismo parlano molto del racconto creativo. Creiamo GIF e grafici, video e tweets incorporati. Lodiamo questi sforzi di superare la tradizionale piramide di 750 parole, invertire ciò che abbiamo definito "articolo" per tanto tempo. Ma, mentre stiamo diventando più creativi, mi preoccupa che non siamo in realtà più inventivi. Facciamo il nostro lavoro meglio e ci sentiamo meglio, ma non necessariamente il nostro lavoro è migliore.

Lo scorso fine settimana ho visto la seconda stagione di "Master of None", la serie di Netflix con Aziz Ansari. È il tipo di artigianato che invita ad abbuffate come ore e ore di #goodreads in una domenica mattina. Sotto l'incantesimo narrativo di Ansari, sorridevo, ridevo, piangevo e ho sbattuto il pugno: "È quello che voglio dire!" E poi ho pensato ai nostri lavori e ad alcune lezioni - avvertimento, spoiler - potremmo applicare al nostro giornalismo. 

Il pezzo seleziona dieci “segreti”. Il primo: ci sono più di due parti di una storia.
poynter.org


Strumenti
3 ottimi strumenti di scrittura

Questi strumenti possono essere usati per qualsiasi tipo di scrittura che si sta cercando di fare. Possono anche essere usati in sequenza.

Uso personalmente XMind per creare le mie mappe mentali. Sono un grande fan delle mappe di mente. Possono aiutarti a creare un concetto unico con una serie di temi diversi e correlati.

Grammarly si assicura di correggere eventuali errori grammaticali nel tuo post (in lingua inglese). In questo modo, quando si scrive, è possibile concentrarsi sul contenuto anziché sulla semantica.

Hemmingway è l'ultima parte del mio processo di scrittura: aiuta a aumentare la leggibilità del tuo pezzo. 
medium.com


(Video) - Giornalismo indipendente di Franco Fracassi. Indigraf quello che gli altri non raccontano 
youtube.com
Extra - BBC: Competenze di giornalismo: tecniche di intervista - reddit.com